domenica 6 aprile 2014

L’Africa di Daniele Comboni

da: Libertà e Persona di Francesco Agnoli

L’Africa è un immenso continente, sottopopolato e povero, che conosce da molti anni una crescita continua di cristiani. Il cristianesimo porta con sé un nuovo modo di vedere Dio, e di conseguenza l’uomo, la natura, il lavoro…
Eppure ancora oggi molti dei mali dell’Africa rimangono quelli di un tempo. Mali che originano, be più che dalle colpe di molti occidentali, certamente presenti, soprattutto dalla religione e dalla cultura africana animista.

L’11 luglio 2009, ad Accra, capitale del Ghana il presidente degli Usa, Barak Obama, che ha sangue africano nelle vene, si è rivolto agli africani dichiarando che non ci si può sempre nascondere dietro le colpe dell’Occidente se si vuole veramente fare qualcosa per cambiare la situazione: “è troppo facile, ha detto, addossare ad altri la colpa di questi problemi. L’Occidente non è responsabile della distruzione dell’economia dello Zimbabwe nell’ultimo decennio o delle guerre in cui vengono arruolati bambini tra i combattenti. Ma io sono convinto che questo sia un nuovo momento di promesse”.

L’Africa tra sottosviluppo e speranza

Appuntamento per questa sera alle ore 21.00 su Radio Maria. "L’Africa tra sottosviluppo e speranza".

Introdurrà la trasmissione Francesco Agnoli;

Ore 21.20. Emmanuele Di Leo:
"Una Nigeria dalla grande personalità. Speranze e visioni future"

Ore 21.40. Renzo Puccetti:
"l’Africa , l’aids e il preservativo…"

Ore 21.50. Mariangela:
"Esperienza in Etiopia, l’ adozione; famiglia e superstizione"

Ore 22.05. Giuseppe Brienza: "Il Sud Africa di Mandela post Mandela".

Ore 22.30, fine.


martedì 25 marzo 2014

Cure e istruzione sul Niger

Video intervista del Centro Televisivo Vaticano.
Cure e istruzione sul Niger. L'opera missionaria di Suor Enza Guccione e il lavoro di cooperazione della Steadfast ONLUS in Nigeria.


Riprese video in Nigeria a cura di Thelma Cesarano

lunedì 17 marzo 2014

RomaFun 5 km per la Nigeria


Il "RomaFun Charity Program" è il programma della solidarietà della Stracittadina, la tradizionale marcia non-competitiva a sostegno dei più progetti di Associazioni.
V I E N I - C O N - N O I - a fare una passeggiata - corsetta a piedi, in bici, con i pattini, con qualsiasi mezzo di locomozione tu desideri! Una mattinata in compagnia aiutando i progetti Steadfast ONLUS in Nigeria.
Una passeggiata nel centro storico, completamente chiuso al traffico, per tutta la durata dell'evento, dove ciascuno può sentirsi protagonista insieme con la famiglia, i compagni di scuola, il proprio cane, sui pattini e così via. RomaFun - "La Stracittadina", una delle corse amatoriali più partecipate al mondo, dà appuntamento a tutti al centro di Roma.
___________________________________________

Iscrizione: € 8,00
Sarà possibile iscriversi presso il Marathon Village nei giorni 20, 21, 22 marzo 2014.

___________________________________________

DOMENICA 23 MARZO

Ritrovo: ore 8.45 sotto l'Arco di Costantino
Partenza: Via Fori Imperiali ore 9.10

Arrivo: Circo Massimo
___________________________________________

info:
info@steadfastfoundation.org
thelma.cesarano@gmail.com

info Facebook:
Emmanuele Di Leo
Thelma Cesarano

www.steadfastfoundation.com
www.thelmacesarano.it


venerdì 14 marzo 2014

Torna lo SWAP Party per l'Africa


Torna nuovamente l'appuntamento con lo SWAP Party di Factory & Friends. Domenica 23 Marzo – dalle 15,30 alle 19,30 via Rubattino, 1 (Testaccio) ROMA.
SWAP significa scambio, baratto e questo dovrebbe bastare già a capire lo scopo dell'iniziativa. In due parole uno shopping solidale a costo zero.

Shopping, perché? Portando un oggetto, come un regalo poco gradito, un indumento che non entra più, quella lampada avuta in regalo che proprio non sopportiamo... riceveremo in cambio dei gettoni (che non hanno un valore economico ma un valore ipotetico) che potremmo riutilizzare per poter prendere oggetti o indumenti di altre persone che più ci aggradano.

Solidale, perché? A fine SWAP PARTY, tutta la rimanenza verrà ritirata dalla Steadfast per la Missione Umanitaria in Nigeria, a favore della popolazione dell’isola di Igbedor. Sarebbe graditissima la donazione spontanea di indumenti per bambini e medicinali (come integratori, colina, ferro ecc.).
Insomma un altro pomeriggio passato in allegria aiutando chi sta più in difficoltà di noi!

martedì 11 marzo 2014

A Ostia Lido, insieme per Igbedor, "l'isola che non c'è"

Il 10 Marzo ad Ostia Lido dalle ore 17.00 alle ore 20.00 presso Happy Day in p.zza della Stazione Vecchia, la Steadfast ha raccontato di Igbedor, "l'isola che non c'è". Come nel racconto di Peter Pan, Igbedor stima più di 5000 bambini su una popolazione di 8000 persone totali. I presenti hanno assistito alla testimonianza diretta di chi, lì, vive tutti i giorni. Sr. Chinwem Caritas ha condotto le mamme e i papà presenti, in questo racconto...

"Un grande grazie alle Mamme ed i Papà di Ostia Lido, un grande grazie al Happy Day per l'ospitalità e la disponibilità, un grande grazie a Daniela Decarolis per aver realizzato e coordinato questo incontro. Suor Caritas è stata molto felice di parlare a tutti voi, di aver visto tanti bambini...
Grazie per i vestiti e per gli integratori, grazie di cuore da tutta Igbedor! L'isola di Peter Pan c'è ed è viva più che mai!"


domenica 9 marzo 2014

Storytelling event to empower women to take more visible role in the Church



In a recent interview to mark his one year anniversary, Pope Francis said the role of the Virgin Mary is greater than any bishop or apostle. He added that the Church is feminine at its origin, and so the role of women within the Church should be greater.

lunedì 3 marzo 2014

Igbedor: " l'isola che non c'è "

Il 10 Marzo ad Ostia Lido dalle ore 17.00 alle ore 20.00 presso Happy Day in p.zza della Stazione Vecchia, la Steadfast racconterà di Igbedor, "l'isola che non c'è". Come nel racconto di Peter Pan, Igbedor stima più di 5000 bambini su una popolazione di 8000 persone totali. Assisteremo alla testimonianza diretta di chi, lì, vive tutti i giorni. Sarà Sr. Cinuem a condurci in questo racconto...
Ti aspettiamo e non dimenticare di portare un vestitino per i bimbi di Igbedor! 

"Seconda stella e destra .. questo è il cammino ... e poi dritto, fino al mattino. Poi la strada la trovi da te ... porta all'isola.. che non c'è !!"

martedì 18 febbraio 2014

SWAP Party e un dono per l'Africa

Factory & Friends organizza un SWAP party. Un'incontro dove si possono scambiare, barattare oggetti. In poche parole, shopping a costo zero. 

In questa divertente occasione si potranno portare anche indumenti da donare alla Steadfast che li porterà in Nigeria per aiutare la comunità di Igbedor. Comunità formata da 8000 persone di cui 5000, bambini. La popolazione vive in capanne costruite in fango e paglia, è sprovvista di corrente elettrica, non hanno acqua potabile e la presenza di gravi epidemie è un problema ormai cronico. I 5000 bambini dell'isola di Igbedor hanno bisogno di mote cose, molti non hanno neppure i vestiti.

lunedì 17 febbraio 2014

L'Africa: una terra ricca di valori a cui attingere

Suor Enza Guccione racconta la sua quasi ventennale esperienza missionaria in Nigeria


Roma, 14 Febbraio 2014 (Zenit.org) Luca Marcolivio 

Suor Enza Guccione è una delle undici donne che testimonieranno il prossimo 8 marzo durante il convegno Voices of Faith. Missionaria in Nigeria dal 1996, la religiosa è attualmente impegnata in un apostolato a servizio delle popolazioni della problematica area fluviale del Niger, spesso soggetta a inondazioni.

lunedì 3 febbraio 2014

Biotecnologie per l'Africa

I critici sostenevano che le colture transgeniche avrebbero dato vantaggi solo ai paesi industrializzati e avrebbero dato ben poco alle nazioni emergenti. Il presupposto generale era che tutte le conseguenze non intenzionali erano probabilmente negative. Questa visione del mondo pessimistica ha provocato leggi molto restrittive che regolamentano le biotecnologie come sancito dal Protocollo di Cartagena sulla biosicurezza della Convenzione sulla diversità biologica.

martedì 14 gennaio 2014

Vestiti per i bambini di Igbedor

Facciamo poco, ma facciamolo ADESSO!


I 5000 bambini dell'isola di Igbedor in Nigeria hanno bisogno di mote cose, molti non hanno neppure i vestiti. Stiamo raccogliendo indumenti estivi in buono stato che saranno inviati entro il 31 marzo 2014. Abbiamo bisogno del tuo aiuto. Inviaci o se sei vicino ai Punti di Raccolta porta ciò che non usi più, a loro servirà sicuramente!

Igbedor è  un isola nigeriana situata vicino al Delta del fiume Niger. Tali isole vengono denominate "riverine areas". Le popolazioni locali sono abbandonate a se stesse dalle istituzioni e dallo stesso Governo locale; non sono neanche conosciute; per raggiungerle bisogna effettuare circa un’ora di macchina dal paese più vicino per arrivare alla riva del Niger e poi, seguendo, un’ora di barca a motore, sempre quando le acque del Niger sono quiete. La popolazione di Igbedor conta più di 8000 persone, di cui 5000 sono bambini. La popolazione vive in capanne costruite in fango e paglia, è sprovvista di corrente elettrica, non hanno acqua potabile e la presenza di gravi epidemie è un problema ormai cronico.

giovedì 9 gennaio 2014

Giorno della Memoria - Shoah: "In memoria ed Onore di Settima Spizzichino"

Il 25 gennaio 2014, Siracusa. Il Comune di Siracusa e L'Istituto Mediterraneo di Studi Universitari , con il patrocinio di Steadfast Onlus, Roma Capitale e della fondazone Giorgio Perlasca, promuovono la giornata della memoria 2014 con l'incontro " in memoria ed onore di Settimia Spizzichino" cui verrà conferita la cittadinanza onoraria alla memoria. Relatrice sarà Carla di Veroli. Sarà proiettato un filmato dove Settimia racconta se stessa.


Quinta di sei figli, Settimia Spizzichino era nata in una famiglia del ghetto ebraico di Roma.
Il 16 ottobre 1943 fu deportata insieme alla madre, due sorelle e una nipotina durante il rastrellamento del ghetto.

venerdì 3 gennaio 2014

Giovanni Sartori, Steadfast e i bambini africani

di: Francesco Agnoli, Il Foglio, 02-01-2014


Nel 64 d. C. Roma viene in parte distrutta da uno spaventoso incendio. L’imperatore Nerone, narra lo storico Tacito negli Annales, per contrastare le varie voci secondo cui lui stesso sarebbe stato il promotore dell’incendio, accusa i cristiani e li fa perseguitare: “si facevano dilaniare dai cani, dopo averli vestiti di pelli ferine, o si inchiodavano su croci, o si dava loro fuoco, perché ardessero a guisa di fiaccole notturne dopo il tramonto del sole”. Tanti secoli dopo, purtroppo, i cristiani rimangono bersaglio di calunnie che li conducono alla prigione o alla morte in varie parti del mondo, islamico e comunista (dall’Indonesia alla Corea del nord).

Qui, a casa nostra, non si è ancora giunti a tanto, ma le invettive e le accuse infamanti vengono fatte nella più completa impunità e nel silenzio generale. Circa un mese fa, per esempio, sul Corriere della Sera è apparso un articolo di Giovanni Sartori, in cui per la millesima volta si è ripetuto un vecchio, infondato ritornello: siamo a due passi dall’ “impazzimento del clima”, dalla “crescita del livello dei mari”, dall’erosione dei ghiacciai”…, insomma dall’Apocalisse (che è qualcosa in più dell’incendio di Roma del 64 d.C.).

domenica 22 dicembre 2013

La nostra Africa

In 25 minuti vi portiamo cosa i nostri occhi hanno visto e come stiamo sviluppando il progetto di cooperazione internazionale nel grande Paese centroafricano.
Anche il vostro aiuto può essere importante: info donazioni cliccate qui